Che diavolo ci faccio qui ?

sabato, agosto 27, 2005

mala tempora currunt Legge 168 2005 L. 168/05 per gli amici

Con la legge 168 del 18/08/2005
il governo italiano raggiunge livelli inimmaginabili fino a poco tempo fa.
In parole povere se guidate la moto o il motorino e incorrete in contravvenzioni per gli articoli 169 170 171 del codice della strada. tipo guidare senza casco o con una sola mano, vi faranno la multa, vi toglieranno i punti dalla patente e vi CONFISCHERANNO la moto o motorino.

Il motorino confiscato, appunto, diventa proprieta' dello stato che se lo potra' rivendere in apposite aste giudiziarie.

Capito ? guidate senza casco e si prendono la moto.
A quando la confisca della macchina per chi guida senza cinture o parla al cellulare guidando ?

In fondo c'era gia' la confisca del computer per chi scarica condivide da/su internet materiale coperto da copyright, novita' introdotta dalla cosi detta "legge urbani" .
(piu' qualche altra sciochezzuola come la prigione e multoni simpatici)

Quindi perche' stupirsi ed indignarsi ? Per la sproporzionalita' della pena ? Ma per favore !
Emanare leggi sensate con pene giuste ed equilibrate non e' una cosa che interessa a questo governo. Neppure a quelli precedenti se e' per questo, pare che a far leggi idiote siano capaci entrambi gli schieramenti.

Sentito nulla nei tg ?
leggete e riflettete

articolo sulla nazione

qui la legge dal sito della gazzetta ufficiale

qui gli articoli del codice della strada interessati dalla modifica
(trasporto di persone, Trasporto di persone e di oggetti sui veicoli a
motore a due ruote, Uso del casco protettivo per gli utenti di veicoli a
due ruote)
http://www.comune.torino.it/ambiente/codstra/index.html

3 Comments:

  • Sì, è giusto. Abito su di una strada dove si raccoglie un cadavere di conducente di motoveicoli al mese e un paio di feriti gravi a settimana. Qualunque altro tipo di contromisura negli ultimi trent'anni si è rivelata inutile, le persone continuano guidare auto e moto come se fossero invulnerabili e non esiste sanzione abbastanza pesante da farli desistere. L'unica opzione valida è colpire ciò che hanno di più caro: il veicolo. Dovessi dar sfogo ai miei più bassi istinti, più che la vendita all'asta proporrei la demolizione pubblica a colpi di mazzetta da cinque chili ad opera di pedoni e ciclisti esasperati.

    Ho guidato nella maggior parte dei paesi europei e da nessuna parte ho visto il disprezzo per la propria ed altrui sicurezza che abbiamo in Italia, sia da parte degli automobilisti/motociclisti sia delle istituzioni.
    Comunque, tranquillizzati: esattamente come è successo per la norma che riteneva il responsabile in solido del veicolo anche responsabile di eventuali infrazioni commesse da altri e non contestate immediatamente (punti della patente e autovelox, per intenderci) anche qui si alzerà una bella sommossa popolare che renderà questo provvedimento ineffettivo.
    In questo paese sono state recentemente approvate leggi mostruosamente antidemocratiche o in odore di incostituzionalità (come il decreto Urbani, appunto) e nessuno ha mosso un dito, ma se si tocca la libertà degli Italiani di andare a demolire gradinate di stadi o a correre contromano in motorino al centro di una statale... Giustizia sarà fatta, abbi fede.

    Un saluto.

    By Anonymous Vic Fontaine, at 14:00  

  • Non sono d'accordo ma capisco il tuo punto di vista. Da ultime notizie comunque pare che il tutto verra' effettivamente modificato. Vedremo.
    In ogni modo spesso per far passare leggi
    pesanti e impopolari viene usato il sistema seguente : Sparare una legge molto ma molto piu' pesante e poi fare i "gentili" riducendola in qualche modo e dire :"visto come siamo gentili e comprensivi ?" Mentre nel complesso poi rimane una legge innasprita nel merito.

    Il disprezzo per le leggi che citi, credo derivi anche dal vedere i tutori della legge infischiarsene delle leggi che applicano (visto il servizio delle iene ieri sui vigili di napoli ?)

    By Blogger jishu1972, at 14:23  

  • Il servizio non l'ho visto, ma sono d'accordo con le tue osservazioni. Si promulgano delle normative che farebbero impallidire il parlamento svizzero, si predica la tolleranza zero e poi, piano, piano, si ritorna all'anarchia totale: il tutto aiutato dai mezzi d'informazione che danno l'enfasi a ciò che "tira" di più. Io, però, non parlavo di disprezzo per le leggi (che effettivamente è fortemente alimentato da questi atteggiamenti) quanto dell'inspiegabile disprezzo che c'è in questo paese nei confronti della propria ed altrui incolumità. In tutto il mondo si commettono eccessi di velocità, ma solo in Italia è considerato "normale" viaggiare in città ad 80-90 all'ora, per citare un esempio. Riterresti così grave sequestrare la macchina alle dolci mammine che per accompagnare i propri pargoli a scuola in tempo sfrecciano a 70 all'ora fra i pargoli altrui come avviene nella scuola di fronte a casa mia? Ed abito in una strada senza uscita lunga 300 metri... A questo punto non mi indigno più di tanto per una legge che punisce chi rischia la propria e l'altrui persona colpendo la proprietà: mi indigno però per leggi che fanno esattamente il contrario (colpendo le persone e la loro libertà per danni alla proprietà) come l'infausta legge sul copyright.

    Take care.

    By Anonymous Vic Fontaine, at 16:51  

Posta un commento

<< Home